Sei in: Mondi medievali ® Castelli italiani ® Emilia Romagna ® Provincia di Parma

PIETRAMOGOLANA, RUDERI DEL CASTELLO

   a cura di Elisa Delgrosso

scheda    cenni storici    come visitarlo


La rocca di Pietramogolana in tutta la sua imponenza. Il castello da qui dominava tutta l’alta valle del Taro.

 

 

In alto: a sinistra, veduta esterna del rudere del mastio dalla cima della roccia; a destra, particolare della scarpata che divide paese e castello. In basso: vista dei ruderi dal lato ovest.

  clicca sulle immagini in basso per ingandirle

Localizzazione  Localizzazione  Localizzazione


Epoca: Questo è uno dei più antichi castelli della zona ed il primo documento a riguardo risale al 674.

Ubicazione: Pietramogolana è un piccolo paese al centro dell’alta Val Taro ad altezza Solignano/Valmozzola.

Stato di conservazione: pessimo. Solo la base del presumibile mastio resta a ricordare questo antico insediamento. Nel degrado del castello che sembra essere già stato abbandonato a fine Medioevo di certo hanno svolto un grande ruolo l’altezza e la complessità di questa costruzione.

Come arrivarci: il paese è raggiungibile facilmente dalla statale 308 di fondovalle che congiunge Parma a Borgo Val di Taro. Si trova a 60/65 km da Parma come da La Spezia. L’uscita autostradale più vicina è Borgotaro sull’A15 Parma-LaSpezia.

    

Cenni storici

Il castello di Pietramogolana era il più antico baluardo posto sul fiume Taro al confine fra i territori di Parma e quelli piacentini. È stato più volte distrutto e ricostruito, ma solo il tempo sembra averlo davvero logorato.

Da quando se ne ha notizia, il castrum di Pietramogolana  fu al centro di contese fra vari poteri a partire dai vescovi di Parma, che se lo contendevano con i nobili di Borgo Val di Taro, soprattutto i Platoni.

Ma il potente Oberto Pallavicino si intromise nella lotta, accaparrandosi tutto a metà del Duecento, e la contesa si spostò sul fronte delle famiglie Pallavicino-Sanvitale.

Questi ultimi poi si allearono con i Platoni e tornarono all’attacco, conquistando il castello per governarlo diversi anni in condominio, fino a che Gilberto Sanvitale viene nominato unico signore.

Da questo momento la storia si fa più confusa; si sa solo che nel 1395 Nicola Pallavicino era signore di questo castello già in rovina, e che ne ordinò una parziale ricostruzione.

I Rossi nel 1404 espugnano Pietramogolana, ma sarà la Chiesa a decidere per tutti, e infatti affida con particolari condizioni il castello a Manfredo Pallavicino.

I Rossi, ricordati giustamente come la famiglia più "guerrigliera" della zona, non si arresero e ripresero il potere nel 1545, ma poco dopo lo consegnarono pacificamente ai Sanvitale, divisi nei rami di Sala Baganza e Fontanellato.

Da qui poi il declino strutturale collegato a quello funzionale fecero perdere ogni traccia.

Di fatto, il castello di Pietramogolana, abbarbicato sulle colline dell’alta Val Taro, non interessava più, troppo scomodo per una residenza e troppo “arretrato” per la difesa.

Quel che ne resta ormai, ed è già molto che ne sia rimasto qualcosa, è da vedere come un ammonimento, un ricordo del tempo che fu, di luoghi che ora sono solo “di passaggio”, ma che sono stati fondamentali per la nostra storia.

  

Come visitarlo

I ruderi ovviamente sono visitabili dall’esterno, ma non è consigliabile avvicinarsi più di tanto, sia per il pericolo di crolli che per la difficoltà di una scalata “a prova d’assedio”…

   

    

©2004 Elisa Delgrosso. La prima immagine riquadrata, inserita nel 2017, tratta dal sito .http://misteridiparma.myblog.it

    


su  Emilia  provincia di Parma

Home